Settimo incontro 12-13

Fondamenti di cosa? Una proposta di discussione per la semiotica: un costruttivismo gentile, ma determinato, fra post-strutturalismo e realismi/irrealismi vari.

Scopo dell’intervento è quello di riprendere alcune tappe, in particolare del pensiero post-strutturalista, per provare a discutere la questione della “base” (scientifica e forse ontologica?) della semiotica. Si tratta di punti che per alcuni sono, forse, ben conosciuti (come il pensiero di Deleuze e Guattari); ma di cui però verranno presentate alcune possibili deviazioni e variazioni, dopo la fenomenologia.

Bibliografia minima:

Banfi, A., 1969, Spinoza e il suo tempo, Firenze, Vallecchi.
Ciccarelli, R., 2008, Immanenza, Bologna, Il Mulino.
Damasio, A., 2003, Looking for Spinoza: Joy, Sorrow, and the Feeling Brain, Boston, Harcourt (trad. it., Alla ricerca di Spinoza, Milano, Adelphi).
Deleuze, G., Guattari, F., 1980, Mille Plateaux, Minuit, Paris. Deleuze, G., 1986, Foucault, Paris, Minuit. Dosse, F., 2007, Gilles Deleuze et Félix Guattari. Biographie croisée, Paris, La Découverte.
Duffy, S., 2006, The logic of expression; quality, quantity, and intensity in Spinoza, Hegel and Deleuze, Aldershot, Hampshire, Ashgate.
Montanari, F., 2012, “Between trees, webs and mirrors. Dimensions of Immanence and a critical poststructuralist proposal”, (vedi anche biblio allegata all’articolo) in: E/C: http://www.ec-aiss.it/index.php.
Pinotti, A., (a cura), 2005, Erwin Straus, Henri Maldiney. L’estetico e l’estetica. Un dialogo nello spazio della fenomenologia, Milano, Mimesis.

Federico Montanari attualmente insegna, in qualità di docente a contratto, Comunicazione Visiva, Semiotica, e Communication Planning rispettivamente presso l’Università di Modena-Reggio Emilia, l’ISIA e il Master Alma Graduate school (Università di Bologna) dopo aver insegnato in diverse altre università, anche all’estero, e per lungo tempo Analisi del Discorso politico alla laurea magistrale in Semiotica dell’Università di Bologna Si occupa di analisi semiotica dei conflitti e delle loro forme e rappresentazioni; più di recente ha iniziato a lavorare nel campo dell’analisi degli spazi urbani e del design. Oltre al libro Linguaggi della guerra, ha curato La semiotica e il progetto; Politica 2.0; oltre a numerosi articoli, alcuni dei quali per la rivista Versus, sul tema dello strutturalismo, e ancora sulle forme semiotiche della guerra e del conflitto.

Questo articolo è stato pubblicato in Edizione 2012-2013. Bookmark the link permanente. I commenti sono chiusi ma puoi lasciare un trackback: Trackback URL.
  • Simple Calendar

    Giugno 2019

    Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1
    2
    3
    4
    5
    6
    7
    8
    9
    10
    11
    12
    13
    14
    15
    16
    17
    18
    19
    20
    21
    22
    23
    24
    25
    26
    27
    28
    29
    30
  • News&Aggiornamenti

    • Inizio edizione 2018/2019

      L’edizione 2018/2019 del Seminario sui fondamenti avrà inizio giovedì 15 novembre 2018 in Santa Cristina (aula 6) con una introduzione del prof. Marsciani ai lavori …
  • Cerca nel Sito

  • Meta